Abilità visuopercettive

 

Nella letteratura scientifica degli ultimi decenni, il giudizio sul ruolo degli aspetti visuopercettivi e visuospaziali nelle abilità scolastiche è stato altalenante, privileginado l'importanza causale dei deficit in ambito fonologico e metafonologico. Tuttavia, i professionisti che si occupano dei disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) e  delle difficoltà scolastiche, si rendono conto che una parte cospicua di soggetti hanno sostenute debolezze in ambito visuopercettivo e visuospaziale e capita siano resistenti ai trattamenti di riabilitazione della lettoscrittura. 

 

In alcuni casi, l’immaturità di una o più funzioni legate alle abilità visuopercettive e visuospaziali si conclamano in un vero e proprio disturbo, che gli esperti hanno chiamato Disturbo dell’Apprendimento Non Verbale (DANV), volendo enfatizzare che le funzioni legate al linguaggio sono conservate o non particolarmente compromesse.

 

Comunque, che sia presente o meno un disturbo dell’apprendimento (DSA) o un disturbo non verbale (DANV), se un bambino non riesce ad esprimere al meglio le sue potenzialità, nonostante un impegno adeguato, è probabile che alcune funzioni centrali, innescate dalle informazioni visive, siano immature, o lente, e concorrano ad indebolire le abilità cognitive trasversali (memoria, attenzione, funzioni esecutive) che a loro volta influenzano negativamente le prestazioni cognitive, in particolar modo quelle scolastiche o accademiche. 

 

Una esaustiva valutazione delle abilità visuopercettive e visuospaziali potrebbe mettere in luce alcune aree deboli, le quali possono essere migliorate con un trattamento di potenziamento specifico che molto spesso le normalizza. 

 

Per saperne di più..

Valutazione

Trattamento

Contatti

 

daniele.bergamin@gmail.com

Tel: 338 7516077

  • Google+ Clean
  • LinkedIn Clean

Iscriviti al Sito per rimanere aggiornato.

Congratulazioni! Ti sei iscritto